Oh, Boy

Oh, Boy
giovani adulti
Sentimenti

I Morlevent sono tre: un maschio e due femmine. Orfani da poche ore. Hanno giurato di non separarsi mai. “Morlevent o la morte!”
Siméon, 14 anni, Morgane, 8 anni, Venise, 5 anni, non hanno nessuna intenzione di affidare il loro futuro alla prima assistente sociale che passa. Il loro obiettivo è lasciare l'orfanotrofio e trovare una famiglia. Al momento, solo due persone potrebbero accettare di adottarli...

Qualsiasi cosa si voglia dire ai ragazzi, la prima cosa da fare è scrivere una storia interessante attraverso cui giocare la sfida di dare ai ragazzi le parole con cui esprimere ciò per cui si soffre, ciò che si desidera, si ama, le parole per dire il bene, il male, la paura, l’odio. Tutte parole che rendono l’uomo tale.”

Le parole di Marie-Aude Murail, autrice assai prolifica e apprezzatissima in Francia, ci porta direttamente al centro del suo libro pubblicato da Giunti. Oh, boy! che tratta tematiche vitali e importanti: il lutto, la morte di un genitore, la malattia, l’omosessualità. Ma è anche un romanzo sulla famiglia, sull’amore e, soprattutto, sull’affetto tra fratelli.

Un romanzo commovente e ironico. Un romanzo facile da leggere ma non per nulla banale. Un romanzo dove non c’è il capitolo 13 per non portare iella ai protagonisti e dove bisogna ammettere che la vita a volte è così.